Gioco linguistico…una specie(1)

Decisa la sua mano segnava il foglio e lacrime d’inchiostro seppia sfumavano i pensieri, imprimendoli nei limiti tracciati dal segno. Sospensione dal giudizio nel divenire del gioco linguistico si mostrava senza venir espressa nel linguaggio. Eppure dove risiede il significato?

Pausa.

Non aumentava limiti di chiarezza l’aggiunger lemmi, segni, figure e segni ostensivi.
-E poi torni, e me vedi stuccà bottiglie de spirito…e so’ cinque anni che stanno assieme e Matteo non lo sa, ma lei l’ama un po’ de meno e non de meno io te meno.-

Ora il sole bianco vomita luce liquida tra nuvole blu-ametista rigate da motivi escheriani benchè lei rimanga, col suo profilo greco, schiacciata sul bordo di un periodo
che non trova pace
che non trova inizio
che non trova fine
che non trova senso
che non trova…
Forsennata ricerca in un A4 fronte-retro bordo lungo
-Ma quattr’ore e mezza ‘on po’ durà n’esame, nun m’ha fatto domande, ha parlato solo lui e finarmente…-

Prepotente il sole lascia spazio e tempo al blu, ma di un blu che esiste solo adesso e solo ora che le voci sollevano sbuffi di tabacco:
questo blu non è
questo blu non esiste
questo blu ha un solo significato.
Un uomo qualunque, forse, lo troverebbe sottovuoto a Parigi assieme al metro e ancora non potrebbe dire –Questo non è il colore blu-
Ritorna seduta, schiacciata adesso lungo il bordo freddo del tavolino meno accogliente ma più sensato: profilo greco.
Ma a livello de facortà Villa Mirafiori non gli poi di’ nulla…locus ameno. Ma che è questo posto co’ le canne? Ma era un posto dove ce staveno le canne o dove te sei fatta le canne?-

Lungamente stanca di vivere la parola come ossigeno centillinato secondo pagine.
Ogni pagina una misura diversa, ogni parola un respiro nuovo ogni lettera un indivisibile semplice composto.
Eppure, volta la facciata:
somma numeri a numeri
memoria a memoria
pensieri a pensieri
Forse chiedere è troppo o troppo poco. Dondola lo stivaletto scamosciato sopra la borsa consumata lungo i bordi alti di una fibia corta. E ancora sole nuovo e colore nuovo.
I primi tempi che uscivamo, ahò te ricordi? Nun c’aveva senso l’eye-liner grosso e quelle tute con le scarpe-

Cosa pensa, avvolta in un cappotto vaporoso come bucaneve, quando lancia sguardi incerti da vetrate scure? Rovista i pensieri tra il cartoccio di una pizza e una sigaretta rollata senza filtro, restando immobile nella leggera corrente creata da una porta socchiusa male, o aperta bene.
E lei, rimanendo ferma comprende un mondo che rimane sconosciuto nei suoi gesti metodici, cadenzati, usuali, abitudinari: l’accendino difettoso sbattuto, a colpi di tre, il suo gomito che sfiora il fianco dello schienale, il suo sbuffare come caffettiera mattutina.
Profonde boccate al sapore di menta riempiono l’aria che le sta di fronte, spettatore invisibile ma svelato da una fumata poco velata.

Ora, un sole più basso, più caldo meno bianco ma oramai stanco, secca la goccia dei pensieri e scalda la mano.
Il calzino a pois, timido solca il limite chiaramente incerto dello stivale basso colpito dalla luce bianca che riflette su un piede metallico motivi dodecaedrici: vogliosi di superfici da invadere, da segnare, da dividere, da tassellare.
Attraverso lenti, indicate dalle dita sicure, occhi bramosi di comprensione scorrono rapidi, compiono piccoli salti, ripercorrono sentieri già segnati: l’ignoranza li arresta solamente.
Ma ciò è un atto successivo.
Pensa senza pensare d’esser pensiero, raccolta nel maglioncino grigio-nero.

“If everything can be made out to accord with the rule, then it can also be made out to conflict with it.” (L.W)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...