In una cucina

Scostò la frangia corta dalla fronte rosa

sudata mentre il suo sorriso brillava

nell’arancio romano di un tramonto timidamente primaverile.

E le sue dita sfioravano i frutti semi marci,

con un tocco gentile

quando volse il capo sul cesto di plastica rotto.

Non ebbe tempo, non fu preparato e

il suo profilo neoclassico investì i suoi occhi.

Era delicata,

sottile il naso cingeva gli zigomi ancora

caldi di vita e le sue labbra

dipingevano due cornici frattali.

E nelle sue iridi potè scorgere due moti browniani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...